Migliori purificatori d’aria

Quali sono i migliori purificatori d'aria

Per il benessere dell’organismo, è necessario che l’aria respirata sia il più possibile pulita e priva di agenti inquinanti e patogeni.

Attualmente sul mercato sono disponibili diverse tecnologie per la purificazione dell’aria, ma non tutte sono efficaci allo stesso modo.

Spesso in commercio si trovano purificatori in grado di catturare, soltanto parzialmente, gli agenti inquinanti presenti in ambiente.

Andiamo ad analizzare le tecnologie più comuni presenti sul mercato:

  • Filtri (HEPA/ Carboni attivi / Biossido di titanio/ elettrostatici)

PRO: Catturano alcuni agenti inquinanti, come polveri sottili e possono operare in presenza di persone

CONTRO: Non catturano tutti gli agenti inquinanti pericolosi per l’uomo, come i VOC (Composti organici volatili)

 

  • Ionizzazione bipolare

PRO: Gli ioni positivi e negativi aggregano le microparticelle sospese nell’aria che, non essendo più ultrafini, non rimangono più sospese nell’aria risultando cosi meno dannose perché non inalate dall’uomo.

CONTRO: Perde efficacia in ambienti troppo grandi. Inoltre, Deve essere abbinata ad un filtro in grado di trattenere il medio particolato

 

  • Generatori di ozono

PRO: L’ozono è un gas ossidante che si propaga in tutta la stanza, ossidando tutti i composti organici. Può neutralizzare gli odori e i gas, distruggere i microrganismi.

CONTRO: Non agisce nella depurazione dal particolato. L’esposizione all’ozono è molto pericolosa per l’uomo.

 

  • Lampade UV-C

PRO: La luce ultravioletta distrugge i batteri, funghi, muffe ed elimina qualche gas.

CONTRO: Non ha alcun effetto sul particolato, necessita un contatto diretto con un tempo di esposizione ben calcolato. I raggi devono essere schermati da esposizione umana.

 

  • Fotocatalisi (PCO Technology)

PRO: Disponendo di un ampio ambito di ossidanti rende questo trattamento estremamente efficace su  virus, batteri, muffe, lieviti, VOC e polveri sottili.

CONTRO: Deve essere abbinato ad un filtro in grado di trattenere il medio particolato  

RefineAir ha abbinato ad ogni dispositivo un filtro antibatterico al biossido di titanio ed un LED UV-A in grado di generare una prima fotocatalisi già sulla superficie del filtro, catturando e degradando i batteri a monte

Confronto tra purificatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_IT